IL FAZZOLETTO BIANCO di Viorel Boldis e Antonella Toffolo

Un’intensa storia autobiografica in parole e immagini.


Dal sito di Topipittori:

Il fazzoletto bianco è un breve racconto autobiografico dell’italo-rumeno Viorel Boldis, scrittore e poeta che compone direttamente in lingua italiana, autore dalla scrittura precisa, pacata e poetica. Il testo, scritto alla fine degli anni Novanta – vincitore di un concorso di letteratura e poi apparso su giornali e riviste web di letteratura della migrazione –, è un intenso e struggente frammento autobiografico, un racconto sul distacco e il ritorno, sul ritrovarsi.

Da leggere se:

— cerchi emozioni forti: Il fazzoletto bianco, in poche frasi dallo stile asciutto e immagini in bianco e nero che ricordano il cinema espressionista tedesco, sin dalla prima pagina ti catapulta nella storia e nella vita del protagonista;

— non sei ancora convint* che i picture book siano libri anche, e non solo, per bambini. Il testo de Il fazzoletto bianco era stato scritto per un pubblico adulto, e nell’edizione di Topipittori è diventato un libro per tutti. Provare per credere;

— vuoi immergerti in un’altra cultura. Il protagonista è originario della Transilvania, ed è lì che inizia la narrazione. Questa storia è, a tutti gli effetti, un’immersione nel profondo e magnetico est. Il ritmo del racconto e la potenza delle immagini invitano a esplorare un universo di relazioni e affetti che si esprimono con gesti, silenzi, sguardi, pochissime parole.


Cosa mi ha insegnato:

— grazie a questo libro ho conosciuto il lavoro della bravissima Antonella Toffolo;

—ho avuto l’ennesima conferma: come diceva Zavattini, “l’autobiografismo affrontato sul serio è uno dei pochi modi rimastici per conoscere gli altri


L’autore e l’illustratrice:


Viorel Boldis è nato a Oradea, nel nord ovest della Transilvania, in Romania. Vive e lavora in Italia dal 1995. Autore di racconti e poesie, ha vinto numerosi premi letterari e pubblicato varie opere di poesia e prosa.

Antonella Toffolo è nata a Milano. Ha disegnato illustrazioni per Il Corriere dei Piccoli e pubblicato vari fumetti. Il suo primo libro, Gina cammina, nel 2005 entra nella terna finalista del premio Comicon Micheluzzi per il miglior fumetto dell’anno. È mancata nel febbraio del 2010.


Vuoi saperne di più? Trovi tutte le info sul libro qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *