UNA VITA TUTTA PER SÉ di Marion Milner

Si può imparare, scrivendo, a vivere un’esistenza piena di significato?

Non voglio la conoscenza, ma l’esperienza delle leggi che governano le cose; sentirle dentro di me, non solo osservarle da fuori. Per capire le cose in cui m’imbatto  – le necessità del loro essere, quale legge immutabile le rende quello che sono, la loro fisica e chimica proprie… Conoscere non serve a niente, se non senti l’urgenza e la necessità del reale. Forse questo è amore; il tuo essere diventa parte, penetra nella cosa stessa.

Dalla quarta di copertina:

Scoprendosi scontenta a dispetto di una vita apparentemente risolta, Marion Milner si mette alla ricerca di un criterio personale dei valori che la renda capace di seguire i propri desideri e, per quanto possibile, realizzarli.
Avventurandosi coraggiosamente in una terra inesplorata, l’autrice non esita ad affrontare momenti di delusione, paure rimosse, esitazioni irrazionali, passaggi inevitabili verso una migliore comprensione di se stessi e verso il raggiungimento di insperate vittorie.
Inizia così la fortunata vicenda di un libro, pubblicato per la prima volta nel 1934 e premiato da un immediato successo, tanto che le ristampe si susseguono fino ai nostri giorni.

Da leggere se:

— vuoi approcciare la pratica del diario da un punto di vista introspettivo e originale;

— ti affascinano i resoconti del mondo interiore;

— vuoi leggere la testimonianza di una libera pensatrice.


Lettura obbligatoria: se tieni un diario e ami Virginia Woolf.


Lascia perdere se: la pensi come Bukowski “Trovo che chi tiene un diario e ci scrive i suoi pensieri sia una testa di cazzo”. Citazione da Il capitano è fuori a pranzo, diario commissionato a Bukowski dal suo editore 🙂


Cosa mi ha insegnato:

— che è possibile rintracciare la nostra parte più profonda attraverso la scrittura;

— che pensiamo di essere fatt* in un certo modo, di avere certi obiettivi, certi desideri. E invece…


L’autrice:

Marion Milner, inglese, nacque nel 1900 e fu psicanalista e autrice.


Vuoi saperne di più? Maggiori info qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *